Richiedi informazioni!

Vorresti ricevere maggiori informazioni su BYTO e le sue forme di protezione?
Compila il form specificando le tue esigenze, il nostro staff ti risponderà appena possibile.

Vai al form!   

        

Vuoi lo smartphone? Prendi il patentino!

È tutto vero, sta succedendo a Verona. E verrà testato nei prossimi mesi su un primo campione di studenti delle scuole medie e superiori. Si chiama proprio “Driving License” (patente di guida) ed è una proposta per insegnare ai ragazzi ad utilizzare lo smartphone e accedere ai social in modo sicuro e corretto, per prevenire e combattere il cyberbullismo.

L’Osservatorio Permanente Adolescenti Studenti – fondato nel 2016 da un gruppo di docenti di diversi istituti superiori della città – ha proposto l’idea di una vera e propria “licenza di guida” per l’utilizzo del dispositivo. E ha ottenuto il patrocinio e un contributo dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Verona.

Il presidente dell’Associazione, Andrea Salvetti, che nella vita insegna pedagogia, è convinto che i ragazzi facciano un uso troppo “leggero” delle nuove tecnologie e percepisce quotidianamente anche la preoccupazione dei genitori. Anche per questo ha deciso di dare vita al progetto della “Driving License” per smartphone.

I livelli previsti sono due: uno base per le scuole medie e uno avanzato per le superiori.

Per “prendere il patentino”, i ragazzi dovranno partecipare a 4 incontri – in cui verranno coinvolti in laboratori esperienziali e momenti formativi, affiancati da psicologi, avvocati, pedagogisti e tecnici informatici – e sostenere un esame finale. Ad ogni sessione potranno partecipare gruppi di 25 studenti al massimo. Una sessione sarà inoltre dedicata all’incontro con i genitori.

Entro giugno verranno coinvolti i primi cento ragazzi di sette istituti a Verona.

Ai ragazzi che lo richiedono, ora, i genitori potranno rispondere: “Vuoi lo smartphone? Prima prendi il patentino!”

Iscriviti alla newsletter

Informativa completa